I R.E.M non torneranno insieme sul palco.

Il gruppo, formato da Michael Stipe, Mike Mills e Peter Buck, si è recentemente ritrovato per celebrare i 25 anni dell’uscita dell’album del 1992 'Automatic for the People'.

La reunion aveva fatto sperare i fan in un tour celebrativo, ma a spegnere le voci è stato il bassista che ha categoricamente escluso il ritorno della band, scioltasi amichevolmente nel 2011.

'Non molto tempo fa sono andato a un concerto degli U2 - ha dichiarato al The Times -. Durante le prime due canzoni ho pensato: “Caz*** potevo esserci ancora io lassù”. Poi a metà dello show, mi sono detto: “Dovrei esibirmi anche la notte successiva e la successiva ancora però”. Alla fine sono giunto alla conclusione: “Grazie al Cielo non faccio più questo lavoro”. C’è una componente fisica nell’essere una band di successo mondiale. Quando sei giovane, la vivi come una festa, ma ad un certo punto l’aspetto-festa deve diminuire, altrimenti è dura sopravvivere'.

Buck è d’accordo: 'Non sono una persona che si guarda indietro. Abbiamo posto fine alla nostra storia nel momento giusto. Abbiamo fatto alcuni album di cui sono molto orgoglioso. Adesso è cominciata un’altra vita'.

Nessun rimpianto anche per il frontman Michael Stipe: 'Abbiamo lavorato duramente e in tour ci facevamo il c**o. Abbiamo scritto canzoni come Shiny Happy People e Stand, non brani che manderei con un missile nello spazio in rappresentanza del genere umano, ma sono felice di averle scritte. Eravamo bravi a mettere da parte il nostro ego, a sollevarci nelle difficoltà e non esaltarci nei momenti di gloria. Eravamo degli amici che hanno creato insieme qualcosa di fantastico'.

LATEST NEWS