Selena Gomez teme che la sua lotta contro la depressione e l’ansia possa durare per il resto della sua vita.

A gennaio, la cantante si è recata di sua spontanea volontà in una clinica newyorkese per effettuare un check-up sul suo stato di salute mentale.

La Gomez è rimasta ricoverata per due settimane nel centro dove ha ricevuto dei trattamenti, sottoponendosi a varie sedute psicoterapeutiche.

La popstar è tornata a parlare del suo male oscuro durante un’intervista condotta da Katherine Langford, la protagonista della serie Tredici, prodotta per Netflix proprio dalla 25enne e basata su tematiche forti come il bullismo, la depressione e il suicidio.

'Ho avuto molti problemi a causa della depressione e dell’ansia, ne ho sempre parlato apertamente, anche se ho paura di non riuscire a sconfiggerla - ha dichiarato la star -. Sono sicura che non arriverà mai il giorno in cui dirò: “Eccomi, indosso un bel vestito, ho vinto io!”. È una battaglia e dovrò lottare per il resto della mia vita. Ma va bene così perché so che sceglierei sempre me stessa più di qualsiasi altra cosa'.

Selena è però convinta che il 2018 sarà migliore del 2017, in cui si è sottoposta a un trapianto di rene, a causa di alcune complicanze derivanti dal lupus.

'La priorità è la mia salute - ha spiegato -. Se io sto bene, tutto il resto verrà da sé. Non voglio pormi degli obiettivi altrimenti rischio di andare incontro a delle delusioni, qualora non dovessi riuscire a raggiungerli. È ovvio che voglio tornare a fare nuova musica'.

'Il mio prossimo album è in lavorazione da secoli. Lo so. La gente continua a chiedermi quando uscirà, ma io voglio essere sincera: se non è uscito, è perché io non sono stata pronta. Non sono ancora sicura sul punto in cui si trovi la mia musica. Se serviranno 10 anni, allora aspetterò 10 anni. Non mi interessa'.

ON TOUR - BUY TICKETS NOW!

,

LATEST NEWS