Mac Miller era già morto da diverse ore al momento dell’arrivo della polizia nell’appartamento di Los Angeles del rapper.

La tragedia si è consumata il 7 settembre, quando all’ex fidanzato di Ariana Grande - con un passato di gravi dipendenze -, è stata fatale un’overdose.

Come riportato da TMZ, il corpo della star dell’hip hop, Malcolm James McCormick all'anagrafe, è stato ritrovato senza vita nel primo pomeriggio di venerdì scorso, ma secondo il rapporto della polizia il decesso è avvenuto parecchie ore prima.

Miller infatti non respirava e non rispondeva ai segnali, come emerso dalle registrazioni della chiamata d’emergenza, partita dall’appartamento del rapper.

Per conoscere le cause esatte della morte, servirà attendere i risultati dell’esame tossicologico effettuato dal medico legale sul corpo di Mac.

L’artista è stato tributato da molti colleghi, tra cui Kendrick Lamar, che, ospite allo show televisivo Open Late With Peter Rosenberg, ha dichiarato: 'Era molto intelligente, aveva la capacità di cambiare in meglio le mie giornate. Era un bravo ragazzo. Riusciva a farti stare bene e aveva un’energia contagiosa'.

'Era un grande musicista e un grande amico', ha aggiunto Lamar, che ha ammesso di aver più volte incoraggiato Mac a mantenere un atteggiamento positivo, nonostante la sua dipendenza dalle droghe.

'Aveva sempre il sorriso stampato sulla faccia. Indipendentemente da quello che stava attraversando, non ti faceva mai sentire in colpa per lui. Era forte, era sorridente e voleva che anche noi mantenessimo il nostro sorriso'.

Ariana Grande, che ha rotto pochi mesi fa con Mac dopo una relazione lunga due anni, ha ricordato l’ex fidanzato con una foto in bianco e nero, senza rilasciare alcun commento.

ON TOUR - BUY TICKETS NOW!

,

LATEST NEWS